fbpx

Diventare Social Media Manager: 5 qualità che fanno la differenza

Daniele Mancuso
Diventare Social Media Manager

Vuoi diventare un Social Media Manager professionista? Ti piace  gestire le pagine Facebook e Instagram e desideri farne una professione? Allora ti è venuta un’ottima idea.

La figura del Social Media Manager sarà tra le più richieste in futuro. Sempre più aziende si stanno rendendo conto di come sia importante essere presenti e attive sui social. Per questo investiranno in personale specializzato nella gestione dei canali social come Facebook, Instagram, Twitter e Linkedin.

Inoltre con la crisi del Covid la società contemporanea si è resa conto dell’importanza della digitalizzazione. Grazie all’imminente Recovery Plan, molte risorse verranno investite in questo senso.

Se quindi vuoi buttarti nel mondo dei social, questo è il momento giusto

Sei pronto per gestire con profitto gli account social e scrivere post accattivanti con tantissimi like, engangement e condivisioni? Sì? Per approfondire le modalità con cui raggiungere questo obiettivo professionale puoi dare un’occhiata alla pagina dedicata al Corso Professione Social Media Manager. 

Tutti possono diventare Social Media Manager. Ma quelli bravi sul serio sono pochi.

Se vuoi far parte della squadra di professionisti vincenti, devi sviluppare cinque qualità fondamentali. Che tu voglia lavorare come dipendente o come libero professionista, devi pensare a distinguerti dall’informe massa di “cuggini” che affollano il mercato.

In questo articolo ti racconto le cinque skills essenziali per diventare un ottimo Social Media Manager ben pagato.

 

1) Creatività a trecentosessanta gradi

La cosa più bella e affascinante della professione del social media riguarda senz’altro la componente creativa del lavoro. Quale più grande soddisfazione di vedere i tuoi post pieni di like e commenti, a perfetta dimostrazione di quanto il pubblico apprezzi ciò che comunichi?

creatività

Ma per ottenere ciò devi essere un abile creativo. Questo significa, innanzitutto, saper scrivere testi che catturino il lettore. Si tratta una delle cose più difficili perché gli utenti sono bombardati da milioni di stimoli ogni giorno, con una soglia dell’attenzione davvero bassa. Ecco perché un copy accattivante risulta fondamentale per farti notare dagli abitatori dei social.

E tuttavia, ciò potrebbe non essere sufficiente. Ai messaggi scritti va affiancata un’immagine creata ad hoc per dare spessore al messaggio. Questo non vuol dire essere un grafico, perché si tratta di una figura a sé stante. Ma la conoscenza di Canva è essenziale per creare campagne profittevoli: quindi fattelo amico.

 

2) Curiosità morbosa

Hai diverse passioni, hobby e materie favorite? Sei a buon punto. Tuttavia in carriera ti troverai a gestire clienti di ogni tipo e nei settori più disparati: aziende di cosmetica, food, ristoratori, scuola, corsi di formazione, e magari anche pompe funebri (vedi Taffo).

Per questo se ti capiterà un cliente su una materia in cui non sei esperto, dovrai iniziare a setacciare la rete in lungo e largo per imparare tutto e di più su quel determinato argomento. Ciò significa passare ore a leggere blog, articoli e forum di discussione per padroneggiare quella determinata materia.

Difficile? No se sei un curioso patologico.

Ecco perché la voglia di informarsi su cose sconosciute è una qualità fondamentale per un buon professionista dei social. Ciò ti trasformerà in un vero evangelist dei prodotti trattati: con questo entusiasmo le tue campagne risulteranno più autentiche e incisive, quindi profittevoli.

 

3) Infinita pazienza

Si sa, nella vita non è tutto rosa e fiori. Questo vale anche per il lavoro di Social Media Manager, dove ti trovi a gestire situazioni scomode e a risolvere varie rogne.

Uno dei primi ostacoli da superare saranno i clienti stessi, in special modo all’inizio della carriera. Molti titolari di aziende (spesso piccole imprese) sono poco educati al mondo digitale e con nessuna idea di come gestire i canali social.

Il più grosso scoglio riguarderà l’investimento nell’advertsing: troppe persone pretendono visibilità sui social senza spendere un euro. Dovrai quindi persuadere in modo efficace (e paziente) i clienti di quanto sia necessario dedicare del budget alla pubblicità se vogliono vendere i loro prodotti. Un aspetto, questo, troppo spesso sottovalutato nel Social Media Management, che però può portare grandi risultati. Ecco perché noi di Humans abbiamo dedicato un corso specifico della nostra Academy alla pratica di Lead Generation tramite Facebook e Instagram.

In altre situazioni invece sarai chiamato a gestire situazioni di crisi: ciò significa rispondere a utenti arrabbiati e rancorosi, mantenendo la calma di fronte a post sgrammaticati e dalla punteggiatura inesistente. Emblematico il caso della Social Media Manager dell’INPS, esplosa dopo le miriadi di domande ridondanti dei percettori del Reddito di Cittadinanza. Ma si potrebbe anche parlare di ristoratori che hanno iniziato a insultare gli utenti sulle loro pagine, compromettendo la propria immagine.

Pazienza, nervi saldi e professionalità. Solo così potrai sbrogliare le situazioni più intricate.

 

4) Mentalità analitica

Quella del Social Media Manager è senz’altro una professione creativa. Tuttavia dovrai anche intrattenere una relazione cordiale con la matematica. Attenzione. Non devi essere Einstein, né un fisico nucleare. Devi saper analizzare i dati (o meglio “insights”) per un riscontro oggettivo sull’andamento delle campagne.

Ecco perché concetti come reach, impression, click-through rate, cost per click dovranno diventare il tuo mantra giornaliero. Solo una corretta valutazione di questi indicatori (o meglio ancora KPIs) ti permetterà di comprendere cosa funziona e cosa no nella campagne, e trovare la giusta ricetta per raggiungere gli obbiettivi prefissati.

L’incapacità di leggere e interpretare i dati ti porterà al fallimento di tutte le strategie.

Altra componente fondamentale è l’analisi del  pubblico. Grazie a tutte le informazioni sui destinatari dei tuoi post, potrai raccogliere dati fondamentali (età, sesso, istruzione, interessi) per delineare le tue buyer personas.

Per essere efficace sui social devi saper parlare al pubblico giusto. Puoi scrivere post super accattivanti con immagini super creative: ma mostrarli a un target errato equivale a parlare con il muro. Ecco perché la figura della buyer personas è un elemento essenziale per la tua strategia.

 

smm-social-media-manager

5) Costanza nello studio

Uno dei dubbi più assillanti di tanti aspiranti Social Media Manager riguarda la necessità di conseguire una laurea, tema su cui si dibatte nei vari gruppi dedicati al mondo del digitale.

In realtà non esiste nessuna università, a oggi, che insegni la professione. Nelle facoltà di Scienze della Comunicazione, corso di laurea più gettonato dagli aspiranti digital marketers, la materia non viene trattata.

Tuttavia conseguire una laurea male non fa. Anche perché all’università impari una cosa molto importante: la costanza nello studio. E dovrai studiare molto per essere un buon Social Media Manager, anche nel caso decidessi di non mettere piede in qualche facoltà universitaria.

Il mondo dei social si trova in costante evoluzione. Gli algoritmi dei vari Facebook e Instagram cambiano spesso, e ciò che era vangelo fino a ieri potrebbe non valere nulla il giorno dopo. Per questo dovrai stare sempre incollato a blog, forum, podcast di esperti, seminari.

 

Quindi? Come diventare un Social Media Manager?

Se sei proprio a zero e non hai voglia di affrontare un percorso universitario, potresti pensare a un corso di formazione specifico. Un corso che ti insegni a sviluppare in breve tempo le skills di cui ti ho parlato finora. Ma soprattutto dove impari, attraverso ore di esercitazioni pratiche, a padroneggiare strumenti come il Business Manager e il pixel di Facebook, o a prendere confidenza con Canva. Ma soprattutto un corso dove vieni affiancato da professionisti del settore, da cui apprendere metodi per creare campagne efficaci e in target.

La cosa ti stuzzica? Allora prova a dare un’occhiata al nostro corso di formazione per diventare un Social Media Manager. C’è un offerta speciale per te!

 

Come funziona l’algoritmo dei Reels

Come funziona l’algoritmo dei Reels

Instagram prosegue la sua strada verso una maggiore trasparenza sul funzionamento della piattaforma. Lo scorso 8 giugno sul blog ufficiale del Social Network è stato pubblicato un post in cui Adam Mosseri spiega, a grandi linee, le logiche che si celano dietro alle...

Unisciti alla Community

Accedi anche tu al gruppo privato e inizia a scalare la tua professione.

×